Tube di Falloppio: cosa sono, a cosa servono, patologie, infertilità

Tube di Falloppio: cosa sono, funzioni e problematiche

Le tube di Falloppio, conosciute anche come tube uterine, salpingi o trombe uterine, sono un elemento cruciale del sistema riproduttivo femminile poiché presentano un ruolo chiave nel processo di concepimento. Il loro nome deriva da Gabriele Falloppio, l’anatomista e medico che nel corso del Cinquecento scoprì questi dotti. Vediamo quindi in dettaglio l’anatomia e la funzione di queste strutture, evidenziando l’importanza di comprenderne il funzionamento per la salute riproduttiva delle donne.

Anatomia delle Tube di Falloppio

Le tube di Falloppio sono organi cavi che fanno parte dell’apparato genitale femminile, collegando l’ovaio alla cavità uterina, e sono costituite da quattro regioni principali: la porzione infundibolare, la parte ampollare, la porzione istmica e la parte intramurale.

La porzione infundibolare, situata vicino all’ovaio, è caratterizzata da frange mobili chiamate fimbrie. Queste fimbrie svolgono un ruolo cruciale nel catturare l’ovulo durante il processo di ovulazione.

La parte ampollare, la sezione più lunga e ampia delle tube, è il sito dove avviene comunemente la fecondazione. Qui, gli spermatozoi possono incontrare l’ovulo e, se la fecondazione ha successo, l’embrione inizia il suo viaggio verso l’utero attraverso queste tubazioni intricate.

La porzione istmica, la parte più stretta vicino all’utero, è sottile e rettilinea. Questa sezione è fondamentale per l’ancoraggio sicuro dell’embrione nell’utero, perché è qui che può attaccarsi alla parete uterina e iniziare il processo di sviluppo.

Infine, la parte intramurale è la parte finale e più breve che coincide con il punto in cui la Tuba di Falloppio si introduce nella cavità uterina.

In generale, le tube di Falloppio appaiono dunque di forma tubolare (come indica il nome stesso) e possono avere un diametro di 1-3 mm e una lunghezza media di circa 11-13 cm (variabili da donna a donna).

A cosa servono le Tube di Falloppio

La funzione principale delle tube di Falloppio è fornire un ambiente favorevole alla fecondazione e facilitare il trasporto dell’ovulo fecondato dall’ovaio all’utero.

Ogni mese, durante il ciclo mestruale, un ovulo maturo viene rilasciato da un’ovaia e catturato dalle fimbrie della porzione infundibolare della Tuba di Falloppio corrispondente. Le fimbrie, grazie ai loro movimenti coordinati, guidano delicatamente l’ovulo verso la parte ampollare, dove potrebbe incontrare gli spermatozoi.

Se la fecondazione ha luogo, l’embrione inizia il suo percorso attraverso le tube di Falloppio. Questo viaggio può durare diversi giorni, durante i quali l’embrione subisce diverse divisioni cellulari. Il suo arrivo nell’utero segna il momento in cui può attaccarsi alla parete uterina, avviando così la gravidanza.

In altre parole, le Tube di Falloppio sono strutture fondamentali del processo di concepimento poiché danno luogo alla fecondazione.

Patologie e problematiche delle Tube di Falloppio

Purtroppo, come gli altri organi del corpo umano, anche le tube di Falloppio possono essere soggette a varie patologie o problematiche che possono influenzare di conseguenza la salute riproduttiva. Tra le principali troviamo le seguenti:

  • Salpingite (infiammazione delle tube);
  • Malattia infiammatoria pelvica;
  • Ostruzioni tubariche;
  • Endometriosi;
  • Cisti;
  • Gravidanza tubarica (forma di gravidanza extrauterina);
  • Iperplasia tubarica.

Diagnosi per problemi e patologie alle Tube di Falloppio

La diagnosi di problemi o patologie alle tube di Falloppio coinvolge spesso una combinazione di esami clinici, procedure di imaging e, in alcuni casi, interventi chirurgici. Vediamo alcuni dei metodi più comuni utilizzati per diagnosticare eventuali anomalie alle tube di Falloppio.

  • Esami del sangue: I test sierologici possono essere eseguiti per rilevare infezioni sessualmente trasmissibili (IST) come la clamidia o la gonorrea, che sono spesso associate a problemi alle tube;
  • Histerosalpingografia (HSG): questa procedura consiste nell’iniezione di un mezzo di contrasto nelle tube, seguita da raggi X. La HSG aiuta a identificare eventuali ostruzioni o anomalie strutturali;
  • Ecografia transvaginale: può essere utilizzata per esaminare la struttura delle tube e identificare eventuali masse o anomalie;
  • Laparoscopia: la laparoscopia è una procedura chirurgica in cui viene inserita una sonda sottile attraverso una piccola incisione nell’addome. Questa tecnica permette al medico di esaminare direttamente le tube di Falloppio, rilevare eventuali aderenze, cisti, o altre patologie e, in alcuni casi, eseguire interventi correttivi;
  • Risonanza Magnetica (RM): la RM può essere utilizzata per ottenere immagini dettagliate delle strutture pelviche, inclusi gli organi riproduttivi e le tube;
  • Isteroscopia: questa procedura consente di esaminare l’interno dell’utero e delle tube utilizzando un endoscopio inserito attraverso la cervice;
  • Salpingoscopia: analogamente all’isteroscopia, la salpingoscopia esamina direttamente le tube utilizzando un endoscopio;
  • Valutazione della funzione ovarica: l’analisi del profilo ormonale, incluso l’ormone antimulleriano (AMH), può essere eseguita per valutare la funzione ovarica e la riserva ovarica;
  • Esami genetici: in alcuni casi, possono essere raccomandati test genetici per escludere malformazioni congenite o condizioni ereditarie che potrebbero influenzare le tube.

La diagnosi tempestiva e la gestione delle patologie delle tube di Falloppio sono cruciali per preservare la salute riproduttiva delle donne. Un’igiene sessuale adeguata, la prevenzione delle infezioni e una consulenza medica periodica sono fondamentali per mantenere il corretto funzionamento di queste strutture vitali.

Tube di Falloppio e infertilità

Purtroppo molte donne soffrono di Infertilità femminile, la quale può talvolta essere legata anche alle Tube di Falloppio, e in particolare alla presenza di fattori come infiammazioni, ostruzioni o danni strutturali.

Diagnosi e valutazione per infertilità legata alle Tube di Falloppio

Per diagnosticare problemi alle tube di Falloppio, che di conseguenza possono portare a problemi di infertilità di coppia, i medici possono utilizzare esami diagnostici come la isterosalpingografia (HSG) o la laparoscopia già indicate in precedenza.

Trattamenti per l’Infertilità legata alle Tube di Falloppio

La diagnosi e il trattamento dell’infertilità legata alle tube di Falloppio richiedono una consulenza medica specializzata. Gli specialisti in fertilità e i ginecologi possono valutare la situazione individuale, fornire una diagnosi accurata e consigliare il piano di trattamento più adatto.

Tra i trattamenti che, a seconda dei casi, possono essere utilizzati per combattere l‘infertilità legata alle tube di Falloppio troviamo i seguenti:

  • Chirurgia per rimuovere le ostruzioni: in caso di ostruzione, è possibile rimuoverla chirurgicamente per ripristinare il normale flusso attraverso le tube. Tuttavia, questa opzione può non essere appropriata per tutte le donne e può comportare rischi;
  • Fecondazione in Vitro (FIV): se le tube sono irrimediabilmente danneggiate, la FIV può essere una soluzione efficace. In questo processo, gli ovuli e gli spermatozoi vengono uniti in laboratorio, e l’embrione risultante viene impiantato nell’utero;
  • Trattamento dell’endometriosi: nel caso di infertilità legata all’endometriosi, il trattamento può consistere nell’asportazione del tessuto endometriosico, spesso attraverso interventi chirurgici laparoscopici;
  • Riparazione chirurgica: se ci sono aderenze o altri problemi strutturali, è possibile che la chirurgia possa essere utilizzata per correggere tali difetti e migliorare la funzione delle tube.

Altri articoli